Google ha concluso lo sviluppo operativo di Tilt Brush, il software che consente di dipingere in 3D grazie alla realtà virtuale, acquisito nel 2015. 

Tilt Brush diventa Open Source 

L’applicazione, però, continuerà a essere usata. 

Google ha infatti scelto di renderla Open Source, consentendo quindi agli utenti di sapere come l’applicazione sia stata progettata e incentivandoli a usarla come meglio credono. 

Gli utenti potranno continuare a usare l’applicazione, che resta disponibile per il download sulle piattaforme che già la accolgono, per sviluppare le loro esperienze, personalizzandole, grazie all’open source. 

Si legge sul blog di Google: 

Vogliamo continuare a sostenere gli artisti che usano Tilt Brush mettendolo nelle vostre mani. Questo significa rendere Tilt Brush open source, permettendo a tutti di sapere come abbiamo costruito il progetto e incoraggiandoli a utilizzarlo a loro piacimento 

L’applicazione è stata lanciato nel 2016 sulla piattaforma SteamVR per il visore HTC Vive VR. 

È stata poi reso disponibile per il download sulle piattaforme Oculus Rift, Windows Mixed Reality, Valve Index, PlayStation VR e Oculus Quest Cuffie VR. 

A cosa serve Tilt Brush 

Tilt Brush rende lo spazio che ci circonda una grande tela virtuale sulla quale dare vita alla propria creatività per mezzo della realtà aumentata. 

Ecco cosa si leggeva del software sul blog di Google quando l’applicazione è stata resa disponibile anche su Oculus Rift, nel 2017: 

Con Tilt Brush è possibile dipingere in 3D: è sufficiente scegliere colori e pennello e cominciare a creare con semplici gesti della mano. La vostra stanza diventerà la vostra tela, in cui muovervi e spostarvi mentre disegnate. E visto che si tratta di realtà virtuale, potrete anche usare materiali cui mai avreste pensato, come il fuoco, le stelle o i fiocchi di neve! 

In 5 anni è stata usata per competizioni artistiche, iniziative d’intrattenimento e ha vinto molti premi, tra cui il premio Oculus Quest per il meglio del 2019, il Leone d’oro per l’innovazione 2017 di Cannes Lions e gli Unity Awards 2015 come migliore esperienza VR. 

Qui l’archivio open source del codice Tilt Brush: è possibile usare, distribuire e modificare il codice Tilt Brush in conformità con la licenza Apache 2.0 in base a cui è stato rilasciato. 

L’ultima versione pubblicata di Tilt Brush rimarrà sempre disponibile negli store digitali per gli utenti con visori VR supportati. 

Per chi è interessato a creare opere d’arte con questo software, basta consultare la guida allo sviluppo e visitare il repository GitHub linkato sopra per accedere al codice sorgente. 

Cosa significa open source e quali sono i vantaggi? 

Rendere un software Open Source significa trasformarlo in un software non coperto da copyright e, quindi, modificabile dagli utenti a loro piacimento. 

I vantaggi di un software open source sono: 

  •  flessibilità tecnologica 
  • agilità nell’implementare le innovazioni 
  • alta personalizzazione delle caratteristiche del software secondo le proprie esigenze specifiche 
  • velocità nell’avviare un progetto – anche piccolo, grazie alle versioni community – 
  • conveniente, in termini di costo/efficacia 
  • migliorabile continuamente 
  • trasparenza, perché il codice sorgente è completamente visibile 
  • sicurezza delle informazioni e affidabilità, perché la community di sviluppatori è in grado di individuare subito eventuali bug di sistema o errori 

Da non perdere

Comments are closed.