Avete presente l’immagine – diventata ormai quasi iconica – di migliaia e migliaia di consumatori davanti alle porte di negozi e supermercati che aspettano l’inizio ufficiale del Black Friday per comprare prodotti, soprattutto tecnologici, super scontati?

Ecco, ora vi starete chiedendo: sì, ce l’abbiamo presente, ma cosa c’entra il Black Friday con l’Infrastruttura IT e lo Smart Working?

Ve lo spiego subito: quanto successo più di due mesi fa ha costretto quasi tutti noi a lavorare da casa.

C’è chi era preparato e chi meno, per cui c’è stata una corsa “matta e disperatissima” all’acquisto di laptop, notebook, smartphone e accessori capaci di garantire, in pochissimo tempo, un lavoro produttivo anche da casa.

Solo che in questa corsa ci siamo dimenticati una delle cose più importanti: l’infrastruttura IT aziendale.

Oggi la partita tra le aziende si gioca proprio sul campo dell’Infrastruttura IT: puoi garantire ai tuoi dipendenti una infrastruttura digitale sicura, flessibile e veloce? Se la risposta è sì, hai vinto la partita del futuro aziendale.

Se la risposta è no, poco male, basta rimboccarsi le maniche e capire quali sono le soluzioni che fanno al caso del tuo business.

Smart Working? Sì, ma solo se in sicurezza

Una delle parole chiave del Lavoro Agile è proprio “sicurezza”. Perché? Perché lavorando con dispositivi propri o aziendali da casa, gli smart workers diventano un punto di accesso facile per i cyber attacchi che mettono in pericolo la sicurezza dei dati aziendali.

Quindi cosa fare? Basta ricorrere alla VPN aziendale?

No, non basta. Il pericolo di accesso a siti non sicuri, attacchi di phishing e malware è dietro l’angolo, come anche il pericolo di accessi non autorizzati alla rete aziendale.

Le aziende, quindi, per poter garantire uno Smart Working degno di questo nome, devono investire sulle soluzioni di Security. Un esempio? Cisco per lo Smart Working, in partnership con Tech Data.

Un deployment IT flessibile, veloce e automatico è la carta vincente

Ebbene sì, oltre che sulla sicurezza, le aziende devono investire su un deployment IT capace di migliorare la produttività dei dipendenti attraverso l’efficienza dei processi e l’automazione.

Sì perché con la nuova era dello Smart Working, in cui il lavoro è sempre più mobile e meno legato agli spazi aziendali, il deployment dei dispositivi endpoint è diventato un processo complesso e difficile. Senza pensare poi che il Cloud  ha ampliato il perimetro della rete tradizionale, richiedendo nuove policy e controlli per la protezione dei dati aziendali.

La soluzione sarebbe quella di poter garantire a tutti i dipendenti un dispositivo da poter utilizzare entro pochi minuti, con impostazioni e applicazioni già preinstallate o pronte per il caricamento automatico non appena si accende il dispositivo.

Questa soluzione esiste già e ha un nome: Deployment “Zero-Touch” di Microsoft.

Insomma, da due mesi a questa parte stiamo assistendo a un vero cambio di paradigma, e chi ne uscirà vincitore sarà proprio chi investirà a livello strategico nell’infrastruttura IT.

Vuoi scoprire quali sono le soluzioni più adatte al tuo Smart Working? Leggi qui!
Non sei ancora cliente Tech Data Italia? Registrati ora!

Comments are closed.