Microsoft Surface, il dispositivo ideale per l’healthcare. Ecco una nuova puntata della rubrica #digitalhealth, oggi i riflettori su un dispositivo destinato a rivoluzionare vita e lavoro di medici e infermieri 

Il mondo della sanità, in questi ultimi anni, si è rapidamente dotato di tecnologie in grado di garantire una migliore cura e diagnosi dei pazienti. Non è più raro, nei corridoi degli ospedali, imbattersi in medici e infermieri dotati di dispositivi digitali, che consentono di avere accesso a informazioni rilevanti per l’assistenza sanitaria.  

Chiaramente, per essere realmente utili agli operatori dell’healthcare, questi device devono consentire tutta una serie di attività: prima di tutto, dal momento che stiamo parlando di informazioni sanitarie, cioè estremamente sensibili, occorre assicurare che tutte le informazioni sul paziente vengano acquisite e archiviate in modo sicuro. Importante è che questi dispositivi facilitino il collegamento con specialisti e medici presenti a distanza, abilitando una reale collaboration anche nella sanità.

Estremamente utile si rivela anche la possibilità di non basarsi esclusivamente su una rete Wi-Fi, abilitando anche una connettività di tipo LTE, che può consentirne il funzionamento in condizioni di mobilità. Da un punto di vista del design, visto il particolare settore da servire, è importante che questi device siano al contempo leggeri e resistenti, nonché facili da pulire e sterilizzare. 

 

Microsoft Surface i punti di forza

Queste e altre caratteristiche estremamente utili per il settore healthcare sono assicurate dai dispositivi Surface di Microsoft, che sono progettati per adattarsi alle necessità degli operatori sanitari, semplificando ogni interazione. Medici e infermieri non devono più destreggiarsi con giganteschi laptop, ma possono trasmettere i dati con l’apposita penna (collegata a One Note) direttamente durante le visite dei pazienti, senza necessità di effettuare tale passaggio in un secondo momento.

Allo stesso tempo Surface consente inoltre di utilizzare le versioni complete della maggior parte delle app desktop cliniche, offrendo al personale la possibilità di condividere risultati e cartelle cliniche con colleghi e specialisti.  Le funzionalità di sicurezza integrate come BitLocker, TPM, Windows Defender e Secure Boot aiutano a mantenere al sicuro le informazioni sulla salute protette, grazie anche al supporto del sistema operativo Windows 10. Non meno importante, in un settore che è spesso caratterizzato da una notevole mole di passaggi amministrativi e formali, è la possibilità di acquisire ed elaborare le firme elettroniche direttamente sullo schermo, utilizzando DocuSign per accelerare i percorsi clinici.  

Microsoft Surface, Mobilità e non solo 

Un ulteriore plus è rappresentato dall’eccezionale durata della batteria, che è in grado di supportare diverse ore di lavoro prolungate in movimento. Quest’ultimo aspetto si rivela particolarmente interessante per tutti quei professionisti del settore che sono chiamati a svolgere assistenza a domicilio. Un’ulteriore categoria che può beneficiare di questa caratteristica del prodotto di Microsoft è quella dei rappresentanti di prodotti farmaceutici, spesso in mobilità per esigenze lavorative. E che, grazie a Surface, potranno restare sempre aggiornati sulle modifiche al proprio catalogo e condividere informazioni e immagini con i propri interlocutori. 

Infine, lo schermo Surface può essere igienizzato con la maggior parte dei disinfettanti ospedalieri standard, quindi può essere utilizzato nella maggior parte dei reparti ospedalieri. La linea Surface, insomma, può rappresentare un’opportunità per gli operatori del canale impegnati ad approcciare il mondo Healthcare. In quest’ottica, un distributore come Tech Data è in grado di assicurare non solo la puntuale distribuzione fisica di questi dispositivi, ma anche di supportare i partner nel loro corretto inserimento nelle specifiche realtà ospedaliere. 

Da non perdere




Comments are closed.