In quest’articolo vi presenteremo l‘undicesima generazione di processori Intel previste per il primo trimestre del 2021 per piattaforme dekstop e mobile, anche se questo 2021 ha portato una scarsità dell’hardware esattamente come per la fine del 2020.

Prima però facciamo chiarezza sul loro significato con una breve introduzione per capire meglio le prestazioni di un processore Intel e le differenze tra un modello e l’altro.

Quando si vuole acquistare un nuovo computer basato su una CPU creata dall’azienda di Santa Clara, spesso ci si domanda cosa significa la sigla del processore Intel.

La differenza di un processore economico rispetto a uno più costoso consiste nella potenza, cioè nella velocità, con la quale vengono eseguite le istruzioni e la tipologia e la quantità di istruzioni che possono essere gestite.

Da parecchi anni la società di Santa Clara utilizza denominazioni come Intel Core i3, i5, i7 e i9 per i processori immessi sul mercato. In generale i processori di classe i9 sono più potenti e veloci di quelli precedenti, e mano a mano che il numero Intel scende le prestazioni diminuiscono.

Questo non significa automaticamente che il modello più prestazionale della serie i3 sia meno veloce del processore più economico della serie i5.

Ogni processore, che sia i3 o i9 ha in comune caratteristiche tecniche che determinano le loro prestazioni: numero di core, velocità di clock (in GHz), dimensione della cache, utilizzo di tecnologie Intel come Turbo Boost e Hyper-Threading.

La nuova generazione di processori Intel

Nella prima parte del 2021 è prevista l’uscita dell’undicesima generazione di processori Intel per dekstop e mobile e sono già note alcune informazioni specifiche della nuova proposta denominata Rocket Lake-S.

Partiamo dagli elementi alla base di questi processori, appartenenti alla famiglia Core di undicesima generazione: saranno associati a schede madri che si basano su chipset Intel della serie 500, abbinati a socket LGA 1200 uguale a quello presente nei processori Intel Core di classe 10 e grazie a ciò saranno compatibili con le schede madri Intel 400 sul mercato con bios aggiornato.

Viene mantenuto il controller DDR4 dual channel e il controller PCI Express che adesso sarà 4.0, con un totale di 24 linee, mentre la GPU si baserà su architettura Intel Xe, garantendo un netto miglioramento delle prestazioni.

I processori Rocket Lake- S verranno costruiti con tecnologia produttiva a 14 nanometri, la stessa usata nella decima generazione per sistemi desktop sul mercato, che arriva ad un numero massimo di core pari a 8 rispetto ai 10 delle proposte Comet Lake-S di decima generazione.

Per l’architettura verrà utilizzato il core “Cypress Cove”, adattamento dell’architettura Sunny Cove al processo a 14 nm: infatti, i noti problemi di prestazione a 10 nanometri che hanno afflitto Intel negli ultimi anni hanno portato l’azienda a mantenere una produzione a 14 nanometri, riutilizzando l’architettura pensata per i 10 nanometri e rinunciando a 2 core per i processori di fascia più alta.

E’ anche vero che l’uso dell’architettura “Cypress Cove” garantisce un netto miglioramento dell’efficienza rispetto a quella Skylake dei processori Core di decima generazione.

Ci sarà quindi un aumento dell’IPC, Instruction per Core, maggiore del 10% a parità di frequenza di clock, mentre per quanto riguarda i livelli di consumo, per i processori di undicesima generazione con suffisso K ci sarà un TDP pari a 125 Watt e per quelli con suffisso F e per quelli standard sarà pari a 65 Watt.

Processori Intel serie 11 sia per desktop che per notebook

Il PC portatile oggi è uno strumento indispensabile per tanti momenti della giornata, come il lavoro, il tempo libero e lo svago. Ecco perché Intel ha deciso di offrire alte prestazioni e funzionalità per dekstop e notebook.

Il design di questi laptop offre la combinazione perfetta di funzionalità per un’esperienza eccezionale, come per esempio:

  • Grafica Intel® Iris® Xe
  • Reattività più veloce
  • Batteria di lunga durata e ricarica veloce
  • Grafica premium e ottima qualità del suono
  • Intel® Wi-Fi 6 (Gig +) integrato
  • 20% di produttività in più sul lavoro grazie alle funzionalità integrate di Thunderbolt 4, che permettono di collegare quattro porte per la connessione a un universo di periferiche
  • Accesso a un unico cavo per la ricarica rapida
  • Integrato e ottimizzato per piattaforme thin-and-light
  • La nuova CPU Willow Cove e le architetture grafiche Intel® Xe garantiscono una frequenza fino a 4,8 Ghz. Migliora quindi l’efficienza energetica e consente in contemporanea l’integrazione di motori di elaborazione specializzati, acceleratori e ottimizzazioni del software sul SoC

Nuove funzionalità integrate nei processori “Rocket Lake”

I processori di undicesima generazione presentano tante funzionalità integrate e permettono un’ottima collaborazione grazie ad esperienze coinvolgenti permesse dall’AI.

Il rumore di fondo viene totalmente cancellato grazie ad Intel Gaussian e Neural Accelerator 2.0 e garantiscono anche una connessione veloce con Intel® Wi-Fi 6 (Gig+), considerata la migliore tecnologia Wi-Fi per fare videoconferenze.

Consentono anche la creazione di contenuti avanzati: si ha un raddoppiamento della velocità per l’editing di foto e di video, oltre al supporto di display HDR 8K e fino a quattro display HDR 4K simultanei.

Consente anche un intrattenimento più immersivo: i processori Intel Core di 11th generazione sono i primi con Dolby Vision che offrono esperienze più coinvolgenti e migliorano la potenza del sistema di circa il 20% in confronto alla generazione precedente. In parole più semplici, offre un’ora in più di streaming video aggiuntivo a batteria.

I nuovi processori garantiscono anche nuove esperienze di gioco: si può infatti giocare con grafica integrata di Intelon a 1080p e con prestazioni di gioco fino a 2x rispetto alla generazione precedente.

.

Scarica la rapida guida prodotto fornita direttamente da intel: clicca qui!
PER OTTENERE APPROFONDIMENTI SULLA TECNOLOGIA DI intel E NON SOLO, VISITA LA PAGINA TECH DATA CHANNEL ACADEMY

Da non perdere




Comments are closed.