L’adozione dell’Internet of Things negli aeroporti permette di migliorare un settore tra i più complessi al mondo. Nel solo 2021 gli aeroporti mondiali hanno ospitato 4,6 miliardi di passeggeri (dati Airports Council International), mentre in termini di volume di merci movimentate hanno raggiunto il record di 125 milioni di tonnellate nel 2021.

Ogni anno si utilizzano milioni di velivoli per muovere persone e merci, richiedendo a ogni scalo una organizzazione perfetta per far coincidere tutti gli spostamenti, dato che gli aerei si spostano in tutto il mondo 24 ore su 24, 7 giorni su 7. L’esigenza di efficienza ha portato all’adozione dell’IoT in vari aspetti del mondo aeroportuale.

Internet of Things negli aeroporti: l’utilità per la sicurezza degli aerei

Una prima applicazione dell’Internet of Things negli aeroporti è finalizzata al monitoraggio in tempo reale dei sistemi aeromobili. Grazie all’impiego di sensori si possono identificare i problemi prima che si trasformino in rischi per la sicurezza dei passeggeri e dell’equipaggio.

Un esempio: Boeing, il secondo costruttore al mondo di aerei per uso civile, da tempo usa la tecnologia più avanzata in questo senso: i tecnici Boeing incaricati di cablare nuovi aerei adottano una combinazione di realtà aumentata, smart glass (occhiali intelligenti), riconoscimento vocale e sistemi connessi basati su ioT e cloud, dotando i suoi tecnici di una soluzione per svolgere interventi di assemblaggio di problem solving in maniera efficace, rapida e in tempo reale.

Customer experience: come l’IoT migliora l’esperienza di volo dei passeggeri

Un modo ancora più chiaro per comprendere l’utilità dell’Internet of Things negli aeroporti riguarda l’esperienza di volo dei passeggeri. Gli aeroporti abilitati all’IoT aiutano i passeggeri a effettuare il check-in dei bagagli più velocemente, a risparmiare tempo ai banchi di controllo dei passaporti e a individuare facilmente i gate. In breve, gli smart airport aiutano i passeggeri a prendere decisioni più informate nelle diverse fasi della loro esperienza e a interagire perfettamente con l’aeroporto per un’esperienza di viaggio più personalizzata.

Una volta a bordo, i sensori per il rilevamento della temperatura installati sugli aeromobili sono in grado di offrire un’esperienza più confortevole ai passeggeri. I sensori IoT consentono ai membri dell’equipaggio di cabina di regolare con precisione le temperature in cabina. 

Le compagnie aeree si impegnano a fornire ai propri passeggeri un’esperienza piacevole in ogni fase del volo. Grazie all’IoT, ogni compagnia gestisce la propria applicazione e il proprio portale di aggiornamento per i passeggeri. Con l’aiuto di queste app, le compagnie aeree garantiscono uno scambio di informazioni fluido tra i passeggeri e gli assistenti di volo.

I dispositivi IoT possono anche tracciare le preferenze dei clienti al momento della prenotazione dei posti o della scelta dei pasti in volo attraverso portali online basati sul web. Questo può aiutare a generare ancora più dati dai frequent flyer e, in alcuni casi, può essere molto utile per fornire esperienze personalizzate e su misura.

Tracciabilità dei bagagli: anche qui l’Internet delle Cose fa la differenza

Uno degli obiettivi principali dell’uso di tecnologia Internet of Things negli aeroporti è garantire una migliore tracciabilità dei bagagli dei passeggeri. Inoltre, i passeggeri stessi vorrebbero tenere traccia dei loro bagagli anche dopo il check-in per viaggiare senza preoccupazioni.

I lettori possono quindi continuare a scansionare le etichette RFID e, quando i bagagli passano attraverso questi scanner, le autorità possono tracciarne la posizione con estrema precisione. Questo non solo ridurrà il margine di errore, ma sarà anche un ottimo modo per verificare l’efficienza del sistema.

Le informazioni scansionate possono anche essere inviate e archiviate in una rete cloud in modo che i passeggeri possano accedere facilmente ai dati tramite un’app o un sito web. Pertanto, i viaggiatori possono guardare i loro bagagli in tempo reale, passando per l’aeroporto.

Internet of Things negli aeroporti: la sicurezza è al primo posto

I dispositivi IoT hanno un valore inestimabile per i team di sicurezza. Gli operatori stanno utilizzando gli strumenti Internet of Things negli aeroporti per proteggere il perimetro dalle intrusioni, controllare l’accesso ai terminal o alle piste e supportare i controlli doganali e di immigrazione, per mantenere il flusso dei passeggeri attraverso lo scalo.

La sicurezza in aeroporto assume un’importanza basilare ed è per questo che il valore di mercato specifico si stima in decisa crescita: secondo uno studio di Global Market Insights il mercato della sicurezza aeroportuale dovrebbe registrare una valutazione di 25 miliardi di dollari entro il 2028.

Dai risultati dell’analisi, il segmento dei sistemi di localizzazione in tempo reale (RTLS) nel mercato della sicurezza aeroportuale registrerà una crescita decisa nei prossimi anni, grazie alla crescente attenzione per il miglioramento del flusso di passeggeri nel sito.

I dispositivi IoT introducono livelli di sicurezza efficienti ed efficaci nelle operazioni, con una maggiore visibilità in tempo reale sull’intero aeroporto.

Per migliorare l’efficienza operativa, ridurre i costi di manutenzione e tracciare il traffico dei passeggeri, le autorità aeroportuali stanno investendo in sistemi RTLS in diversi punti di controllo.

L’integrazione di tecnologie avanzate, come l’intelligenza artificiale, l’analisi dei dati, il cloud computing e l’IoT, aumenterà la sicurezza e migliorerà prestazioni e servizi, a tutto vantaggio dell’economia del settore. Inoltre, le aziende stanno sviluppando software di gestione della sicurezza con funzionalità quali restrizioni configurabili per gli utenti API, riconoscimento facciale, ricerca intelligente di filmati registrati, navigazione su mappe ed elaborazione di allarmi video.

L’introduzione di nuove e severe normative governative associate ai parametri di sicurezza degli aeroporti favorirà la progressione del mercato. Le autorità di trasporto aereo di vari Paesi stanno varando linee guida per mantenere uno standard minimo di attività operative. In questo modo, si concentrano sul monitoraggio delle pratiche illecite per prevenire incidenti gravi nei prossimi anni.

Da non perdere

Comments are closed.