Il tema della digitalizzazione ha acquisito un’importanza strategica negli ultimi cinque anni in ogni ambito: all’interno del settore della sanità e soprattutto di Ricerca e Sviluppo si sta parlando sempre più spesso di Trasformazione Digitale.

La pervasività della Digitalizzazione tocca ogni ambito della sanità generando un incremento della richiesta di nuovi servizi sanitari da remoto come la telemedicina, il telemonitoraggio o i clinical trial virtuali, tanto che IDC prevede un aumento del 70% degli investimenti in ambito “connected health” entro il 2023.

Sulla base di queste considerazioni, come può l’Information Technology facilitare e supportare al meglio l’evoluzione del settore sanitario?

Alla luce dell’approvazione del PNRR (Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza) e dell’ulteriore spinta che dovrebbe dare alla digitalizzazione, cerchiamo di capire quali saranno le tecnologie e gli ambiti di maggiore rilevanza nei prossimi mesi.

CLOUD COMPUTING

Il modello operativo di fruizione del Cloud, con le sue potenzialità e benefici, è un tema già da tempo al centro degli investimenti di Information Technology delle aziende.

La semplicità d’uso e di consumo delle risorse presenti in cloud fa sì che la sua adozione sia in continua crescita e il modello operativo Cloud, grazie alla scalabilità e alla flessibilità di fruizione delle infrastrutture e dei servizi, riesce a rispondere alle nuove necessità aziendali quali:

  • Lo sviluppo del lavoro da remoto e l’incremento della produttività del personale;
  • La creazione di nuovi modelli aziendali basati sulla cooperazione e la sinergia all’interno dei vari dipartimenti e delle strutture aziendali;
  • L’adeguamento dinamico dei livelli prestazionali sulla base dei livelli di servizio garantiti contrattualmente con il cloud provider;
  • Sviluppo e gestione ottimale del ciclo di vita delle applicazioni;

Tutto questo oggi è facilmente fruibile tramite infrastrutture “on premise” che permettono di implementare soluzioni cloud completamente controllate e sicure.

PER SAPERNE DI PIÙ ACCEDI AL CONTENUTO RISERVATO “TRASFORMAZIONE IT DEL SETTORE SANITARIO: ANALISI, RISCHI E OPPORTUNITÀ”: CLICCA QUI

INFRASTRUTTURA

Un’altra area rilevante è quella dell’infrastruttura, la cui evoluzione sta assumendo un ruolo sempre più strategico per abilitare le organizzazioni al raggiungimento degli obiettivi e vincere le sfide introdotte dalla Trasformazione Digitale.

Si sta quindi andando sempre di più verso soluzioni scalabili sia in ambito computazionale, sia dal punto di vista dell’immagazzinamento dei dati. Sia che si tratti di una soluzione classica a 3 livelli (server-network-storage) o di una soluzione iperconvergente, le infrastrutture devono fornire:

  • Facilità di gestione
  • Semplicità di utilizzo e di consumo
  • Flessibilità evolutiva
  • Supporto dei nuovi standard di sviluppo applicativi
  • Sicurezza delle connessioni e protezione dei dati
  • Ritorno degli investimenti dal punto di vista economico

CYBERSECURITY

La sicurezza nell’universo cibernetico virtuale è diventata un “must” per le aziende, in particolare di fronte all’incremento del lavoro da remoto dovuto in gran parte alla pandemia.

Gli attacchi alle infrastrutture informatiche sono sempre esistiti, tuttavia nell’ultimo anno è stato rilevato un aumento degli attacchi informatici in vari settori tra cui quello della sanità: a luglio 2021 gli attacchi informatici a livello mondiale hanno raggiunto una frequenza pari ad un attacco ogni 11 secondi.

I danni prodotti da un attacco informatico toccano tutta l’organizzazione IT e, oltre al danno economico, che sempre più spesso le aziende si trovano a dover fronteggiare, possono produrre il furto dei dati aziendali (ad esempio le cartelle cliniche) che impatterà negativamente sull’erogazione dei servizi a discapito dell’utente finale.

Inoltre, l’azienda oggetto dell’attacco informatico può essere sottoposta a sanzioni per violazioni della normativa europea sul GDPR.

È quindi necessario che le organizzazioni implementino strategie e tecniche (come il “vaulting”) per salvaguardare la propria sicurezza e quella dei propri clienti e interlocutori.

PER SAPERNE DI PIÙ ACCEDI AL CONTENUTO RISERVATO “TRASFORMAZIONE IT DEL SETTORE SANITARIO: ANALISI, RISCHI E OPPORTUNITÀ”: CLICCA QUI

MACHINE LEARNING E INTELLIGENZA ARTIFICIALE

Il machine learning e l’intelligenza artificiale rappresentano una delle tecnologie digitali più rilevanti ed innovative di questo periodo, in particolare quando applicate al mondo della sanità e della ricerca. Attraverso queste tecnologie digitali, le organizzazioni possono raggiungere vari benefici:

  • Maggiore accuratezza della diagnosi in tempi brevi, grazie all’integrazione di tecnologie di Computer Vision, Virtual Reality ed Augmented Reality
  • Miglioramento della velocità di elaborazione, correlazione e diagnosi generata dalla capacità di analisi di grandi quantità di dati e migliaia di immagini diagnostiche
  • Supporto alla ricerca grazie all’accesso e al monitoraggio continuo dei dati, anche da remoto
  • Creazione di nuovi farmaci e di nuove terapie personalizzate
  • Inserimento di assistenti medici virtuali

INTERNET OF MEDICAL THINGS

L’Internet of Medical Things (IoMT) è l’insieme dei dispositivi e delle applicazioni mediche che si collegano ai sistemi IT sanitari attraverso reti di computer online: questi si collegano alle piattaforme cloud pubbliche, private e hybrid, su cui i dati acquisiti possono essere archiviati e analizzati.

Esempi di IoMT (anche noto come IoT sanitario) includono il monitoraggio remoto del paziente, il monitoraggio degli ordini di farmaci dei pazienti e della posizione dei pazienti ricoverati negli ospedali e i dispositivi m-health indossabili dei pazienti che possono inviare informazioni agli operatori sanitari.

Inoltre, le pompe per infusione che si collegano a dashboard di analisi e letti ospedalieri dotati di sensori per la misurazione dei segni vitali possono essere convertiti o implementati con la tecnologia IoMT.

L’integrazione dell’Internet of Medical Things (IoMT) con strumentazione dotata di tecnologia RFID (Radio Frequency Identification) e NFC (Near Field Communication) consente ai dispositivi di condividere le informazioni all’interno dell’ecosistema sanitario.

Questa tecnologia permette inoltre la telemedicina, grazie alla quale si possono monitorare i pazienti nelle loro case: questo tipo di trattamento evita ai pazienti di recarsi in un ospedale o in uno studio medico ogni volta che hanno una domanda a carattere medico o notano un cambiamento nelle loro condizioni sanitarie.

L’ARTICOLO è STATO REDATTO IN COLLABORAZIONE CON Next04 e DELL Technologies

.

pER SAPERNE DI PIù accedi al contenuto riservato “trasformazione it del settore sanitario: analisi, rischi e opportunità”: CLICCA QUI

Da non perdere




Comments are closed.