Il web è in continua crescita e noi utilizziamo sempre di più questa fantastica risorsa che è Internet: da qualche anno a questa parte facciamo un uso sempre più molto massivo di servizi web, ma questo ci espone ad alcuni rischi, come i nostri dati bancari e molto altro.

Ecco perchè il tema di sicurezza informatica si fa sempre più importante e il firewall è uno strumento fantastico per proteggere i nostri dati – ne parliamo anche qui.

Cos’è un firewall?

Nel caso si utilizzassero dei dispositivi aventi come sistemi operativi Windows o MacOS, questi sarebbero protetti da un firewall.

Sicuramente se ne sarà già sentito parlare, in quanto, talvolta, viene richiesto di disattivarlo per poter utilizzare qualche specifico programma.

Che cos’è esattamente? Secondo una delle imprese leader del settore, il firewall è un dispositivo di sicurezza della rete che consente di controllare il flusso di traffico in uscita e in entrata semplicemente utilizzando una serie predefinita di regole.

A cosa serve il firewall?

La traduzione letterale della parola firewall è tagliafuoco, che, di norma, consiste in una parete costruita all’interno di un determinato edificio, con lo scopo di scongiurare la propagazione del fuoco nel caso di un’eventuale incendio.

Ovviamente, quest’ultima è una metafora che serve a comprendere il meccanismo dei firewall: infatti, in ambito informatico, quest’ultimi svolgono una funzione simile, in quanto, monitorando il traffico in ingresso e in uscita, bloccano eventuali connessioni pericolose che potrebbero danneggiare il sistema.

Che tipi di firewall esistono?

firewall

Esistono molte tipologie di firewall, ognuno dei quali progettato per poter far fronte a una specifica esigenza: parte di essi sono migliori per i computer, mentre, altri, per filtrare a livello di rete.

Lavorano tutti in modi differenti, alcuni dei quali sono più adatti a lavorare in ambiti diversi, andando così a monitorare flussi di traffico distinti:

  • Firewall Personale: è destinato ad essere utilizzato su un solo computer e, generalmente, viene preinstallato sui dispositivi Windows e Mac.
    Seppur si comporti in maniera simile a un firewall destinato a un server, ovvero accettando o rifiutando connessioni tra dispositivi, esso lavora in maniera leggermente differente.
    I firewall personali, infatti, possono proteggere le porte adoperate per potersi connettere ai siti web, difendendole dai diversi attacchi a cui potrebbero essere esposte;
  • Firewall Hardware e Sofware: come è facile intuire, essi si dividono in due categorie.
    Quelli Software non sono altro che normali programmi scaricabili, che possono essere gestiti da un pannello di controllo centrale, mentre quelli hardware presentano funzionalità simili, ma nascono già preinstallati all’interno dell’impianto.
    Entrambe le tipologie si interpongono tra il computer e il mondo esterno, analizzando attentamente le connessioni che andrebbero a crearsi, bloccando quelle più pericolose;
  • Firewall a livello d’applicazioni: questa tipologia viene dedicata a una singola applicazione, proteggendo le connessioni tra quest’ultima e la rete esterna.
    Uno dei loro maggior punti di forza, è il fatto che effettuano un’analisi molto più accurata e, perciò, sono in grado di bloccare le connessioni in tempo reale.
    Si tratta di una soluzione utile soprattutto a livello aziendale, in quanto si tratta di firewall d’alta tecnologia e sicurezza;
  • Firewall su Cloud: è una componente software puramente virtuale che non prevedere l’installazione di macchinari fisici.
    Può essere gestito da remoto da un team d’esperti, in maniera tale da non permettere ai malintenzionati di “avvicinarsi” all’azienda, in quanto, ogni eventuale loro tentativo d’intrusione, verrebbe bloccato a monte;
  • Firewall per il filtraggio dei pacchetti: questa tipologia è una delle più semplici ed è la prima a essere stata sviluppata.
    Un pacchetto non è altro che l’insieme dai dati scambiati tra il vostro computer e un determinato server.
    La funzione di questa tipologia di firewall è quella di monitorare gli scambi di quest’ultimi, seguendo delle regole impostate in precedenza. Il loro lato negativo è che essi sono facili da aggirare e che non c’è alcun modo per applicare regole avanzate.

Il firewall nei pc va associato a un antivirus

firewall

Per aver maggiore sicurezza all’interno di un computer è consigliato associare a un antivirus un firewall, in maniera tale da avere un grado di protezione più alto.

Come è risaputo, l’antivirus ha due principali funzioni: impedire la formazione e la diffusione di un virus e l’eliminazione di programmi infettati, per scongiurare una sua diffusione. Per poter fare ciò nella miglior maniera possibile, è necessario che l’antivirus si aggiorni frequentemente.

Come già accennato nel corso dell’articolo, il firewall svolge un’azione di “muro” contro i malintenzionati, andando così a completare quella svolta da un antivirus.

Quindi, unendo le loro forze, si otterrà un compendio perfetto contro qualsiasi minaccia.

.

ENTRA NEL MONDO DI TECH DATA E SCOPRI L’INTERA OFFERTA DI PRODOTTI, SERVIZI E SOLUZIONI: VISITA IL SITO UFFICIALE

Da non perdere




Comments are closed.