Flash è andato in pensione a inizio gennaio 2021, ma ci sono ancora tanti siti e videogiochi che utilizzano le sue tecnologie. A sostituirlo ci pensa Ruffle, l’emulatore open source scritto in linguaggio Rust che permette di eseguire animazioni Flash in tutta sicurezza su pc, siti web e browser, sia su PC che su Mac. 

Perchè Ruffle sostituisce Flash 

Negli anni 2000 non esisteva browser senza il famoso plugin di Adobe, che permetteva di vedere video, giochi online e animazioni. Quindi perchè abbiamo dovuto dire addio a Flash? Nonostante gli anni di onorato servizio, i tempi cambiano e Flash è ormai diventato obsoleto

Basti pensare che già nel 2010 Apple lamentava malfunzionamenti del plugin su iOS e a inizio 2021 Microsoft ha lanciato un aggiornamento che elimina totalmente Flash

I problemi del plugin erano evidenti: malfunzionamenti, scarse prestazioni su mobile, problemi di compatibilità con le versioni precedenti e soprattutto poca sicurezza

Nonostante ciò sono ancora tanti i siti che ad oggi utilizzano le tecnologie di Flash, ed è qui che entra in scena Ruffle

Cos’è Ruffle 

Ruffle è il software open soure che emula flash player. È realizzato in linguaggio Rust, è più sicuro di Flash e permette di visualizzare ancora i file flv e swf e i siti realizzati con Flash player. 

Funziona sui siti web, browser e desktop ed è facile da usare e installare. Basta scaricare e installare la versione web di Ruffle e il contenuto realizzato in Flash tornerà a funzionare senza necessità di ulteriori configurazioni. 

Come abbiamo detto Ruffle è un progetto interamente open source gestito da volontari e, dato che ancora sono in via di sviluppo, le estensioni devono essere installate manualmente. Il procedimento per installarle però è semplice anche per i meno esperti, vediamo come fare. 

Ruffle sui siti web 

Per utilizzare Ruffle direttamente sui siti web basta andare sul sito ufficiale e scaricare e scompattare il paccheto dedicato 

(ruffle_nightly_2021_xx_xx_selfhosted.zip) 

Successivamente si deve richiamare l’apposita libreria JavaScript (ruffle.js) in questo modo: 

<script src=”directory/ruffle.js”></script> 

Perché tutto funzioni correttamente bisogna verificare che il server web utilizzato sia configurato per supportare file .wasm 

Ruffle per browser 

Per utilizzare l’estensione di Ruffle per browser, qualunque sia il browser adoperato il primo passo consiste nello scaricare la versione adatta dell’estensione ed estrarla dall’archivio zip che la contiene. 

Per Firefox si otterrà un file .xpi; per Chrome, Edge e Safari una cartella

Ruffle per Chrome, Edge e Safari 

Una volta scaricata e scompattata in locale la cartella, per Chrome si deve digitare nella barra degli URL 

chrome://extensions/ 

Bisogna poi abilitare la “Modalità sviluppatore”, cliccare su “Carica estensione non pacchettizzata” e successivamente procedere con l’upload del pacchetto precedentemente scaricato. 

Ruffle per Firefox 

Per Firefox invece una volta scaricato il file .xpi si deve digitare nella barra degli URL la stringa 

about:debugging 

e successivamente selezionare la voce “Questo Firefox”. 

Dopo basta cliccare su “Carica componente aggiuntivo temporaneo” per caricare il package .xpi 

Ruffle per desktop 

La versione desktop non ha ancora un’interfaccia utente e la maggior parte delle funzionalità sono accessibili esclusivamente dalla linea di comando. 

Per utilizzarlo bisogna scaricare la release in base al proprio sistema operativo e selezionare il file .swf da riprodurre. 

Per i più esperti è disponibile anche il comando testuale: 

ruffle filename.swf 

che può essere utilizzato inoltre per i contenuti remoti: 

ruffle https://html.it/file.swf 

Come potete vedere utilizzare Ruffle al posto di Flash è piuttosto facile. Tuttavia, se avete ancora dubbi potete trovare ulteriori dettagli riguardanti l’emulatore sul sito ufficiale e sulla pagina dedicata di GitHub 

Da non perdere

Comments are closed.