Non c’è ambito in cui non attecchisca almeno un luogo comune. In quello tecnologico, uno dei più radicati è quello che vede Apple come casa prediletta da chi fa lavori creativi, e che di rimando è fortissima in software e applicativi pensati per quei professionisti. E cioè musicisti, fotografi, videomaker, scrittori; talenti capaci di fecondare un campo con i semi del suono, dell’immagine e della parola, e di trarne frutti meravigliosi.

Quanto sopra è innegabile. Ma insistendo su questo punto, passa un messaggio preciso: se il vostro lavoro è il business, Apple non fa per voi. Eccolo, dunque, il luogo comune che un semplice sguardo al corredo dei prodotti di Cupertino smonta con estrema facilità. Su dispositivi come iPhone, iPad e Mac è stato condotto un lavoro specifico per aiutare i dipendenti delle aziende a lavorare meglio ovunque si trovino, a collaborare in modo più efficiente e a risolvere eventuali problemi in modo semplice (e anche con una punta di creatività).

I punti su cui Apple insiste sono due: la potenza dell’hardware e la versatilità delle piattaforme. Nella sua visione, ciò crea l’ambiente ideale per creare app professionali su misura per le aziende, di ogni dimensione. A corredo c’è anche la quantità: sull’App Store, infatti, sono disponibili centinaia di migliaia di app per il business.

Apple e lavoro: le novità

Sono diverse le nuove funzionalità introdotte nei dispositivi per migliorare la gestione di tutto ciò che fa riferimento al proprio lavoro, a cominciare dal sistema operativo. iOS 13 è infatti più veloce e “responsive” grazie a un’ottimizzazione generale che migliora il lancio delle app, riduce l’ingombro delle stesse app in fase di download e velocizza il riconoscimento facciale.

Nello specifico del tablet, il sistema operativo iPadOS (costruito sulle stesse fondamenta di iOS) aggiunge più potenza e intuitività nell’utilizzo delle app, come per esempio nuove modalità di lavoro su più finestre, una Home ridisegnata e più “familiare”, una nuova e migliore gestualità quando si edita un testo, e un modo più naturale di usare la Apple Pencil. Gli aggiornamenti migliorano anche lo storage esterno e la navigazione in rete da Safari.

Un capitolo importante è quello del BYOD (Bring Your Own Device). Una nuova forma di gestione, chiamata User Enrollment, è stata costruita specificamente per agevolare l’utilizzo del proprio dispositivo in un contesto aziendale, mantenendo separati i dati di questo contesto dalla privacy dell’utente con un uso accurato delle tecnologie di criptazione.
La funzionalità Apple Business Manager, inoltre, abilita le società a creare e gestire gli Apple ID utilizzati dagli impiegati consentendo loro di accedere a servizi specifici (iCloud Drive and iCloud Notes). La compatibilità è piena anche con Microsoft Azure Active Directory: gli utenti possono accedervi con le stesse credenziali utilizzate anche per altri servizi aziendali.

Per scoprire le ulteriori funzionalità Apple per il mondo del business, naviga nella landing page

Sei già nostro cliente? Scopri di più su Tech Data Italia.
Non sei ancora nostro cliente? Registrati qui!

Autore

Comments are closed.