Tech Data e SYNNEX si fonderanno con un’operazione da circa 7.2 miliardi di dollari. La notizia è stata resa ufficiale ieri, 22 marzo, da Rich Hume, CEO di Tech Data, e Dennis Polk, CEO di Synnex.

L’obiettivo di questo merge? Fornire a clienti e fornitori una maggiore copertura di prodotti, servizi e aree geografiche per accelerare l’adozione della tecnologia a livello mondiale.

I vantaggi strategici della fusione

Innanzitutto creare un aggregatore di soluzioni IT globali: la società combinata servirà più di 100 paesi tra le Americhe, Europa e le regioni dell’Asia-Pacifico e fornirà un portafoglio ampio e diversificato di oltre 200.000 prodotti e soluzioni.

Verranno infatti utilizzate le piattaforme di crescita principali di ciascuna azienda per creare un portafoglio di soluzioni end-to-end differenziato e offerte di prodotti best-in-class in alcuni dei segmenti di prodotto più grandi e in più alta crescita come le Next Generations tra cui cloud, data center, security, Internet of Things (IoT ), 5G e Intelligent Edge.

Questo consentirà una maggiore efficienza di acquisto ai 150.000 clienti e agli oltre 1.500 fornitori della società combinata e permetterà di accelerare l’adozione della tecnologia e attrarre gli OEM (Original Equipment manufacturer) più innovativi al mondo.

SYNNEX e Tech Data hanno culture aziendali incentrate sull’innovazione, agilità e servizio al cliente. Questi principi condivisi, così come l’esperienza e il talento di entrambe le organizzazioni, supporteranno una facile integrazione dopo la chiusura della transazione.

I dettagli tecnici dell’accordo tech data-synnex

In base ai termini dell’accordo, Apollo Funds – il fondo di investimento che ha acquisito Tech Data a luglio 2020 – riceverà un totale di 44 milioni di azioni ordinarie SYNNEX più il rifinanziamento del debito netto esistente per Tech Data e azioni privilegiate rimborsabili di circa $ 2,7 miliardi.

Questo significa che al termine della transazione gli azionisti di SYNNEX possederanno circa il 55% della società combinata, mentre Apollo Funds ne deterrà circa il 45%.

Rich Hume guiderà la società combinata come CEO, mentre Dennis Polk sarà Presidente Esecutivo del Consiglio di Amministrazione – costituito da 11 persone: Rich Hume, 6 persone di SYNNEX e Apollo Funds – e assumerà un ruolo attivo nella strategia e nell’integrazione del business.

La transazione dovrebbe concludersi nella seconda metà dell’anno solare 2021: fino ad allora le società continueranno a operare in modo indipendente.

Le parole dei protagonisti

Rich Hume, CEO di Tech Data, dichiara: “Si tratta di una trasformazione per Tech Data, SYNNEX e per l’intero ecosistema tecnologico. Insieme, saremo in grado di offrire ai nostri clienti e fornitori una copertura, un’efficienza e una competenza eccezionali, ridefinendo l’esperienza e il valore che ricevono. L’azienda combinata beneficerà anche di una significativa forza finanziaria per investire nella sua piattaforma di crescita principale e nelle tecnologie di Next Generations di cybersecurity, cloud, dati e IoT, che stanno vivendo una crescita esplosiva a causa del lavoro da casa e delle tendenze a ritornare in ufficio. Non avremmo potuto raggiungere questa pietra miliare senza il duro lavoro dei nostri colleghi, e non vediamo l’ora di lavorare insieme al team SYNNEX per unire le nostre aziende senza soluzione di continuità e creare un valore significativo per tutti i nostri investitori”.

Dennis Polk, CEO di SYNNEX, continua: “Siamo entusiasti di collaborare con un leader mondiale del settore come Tech Data e crediamo che questa fusione porterà benefici a tutti i nostri investitori. Questa transazione permette di accelerare la crescita dei ricavi e degli utili, di avere un’impronta globale ampliata e la capacità di guidare significativi miglioramenti operativi continuando a creare valore per gli azionisti. Non vediamo l’ora di lavorare con i colleghi di talento di Tech Data e ci aspettiamo che il nostro business combinato crei l’opportunità per i membri del team di produrre i più alti livelli di servizio ai nostri partner”.

Concludono Matt Nord, Senior Partner di Apollo e Co-Head of Private Equity e Robert Kalsow-Ramos, Partner di Apollo, commentando: “Quando abbiamo acquisito Tech Data abbiamo visto un enorme potenziale di crescita trasformativa e di creazione di valore a lungo termine.  Questa transazione accelererà lo slancio che era già in corso, unendo due aziende eccezionali per una maggiore portata e forza finanziaria per guidare il settore. Siamo entusiasti di rimanere parte del continuo successo della nuova società”.

.

Leggi il Comunicato Stampa ufficiale: clicca qui!


Comments are closed.