Quando si tratta di scegliere un nuova stampante, si rischia di andare in confusione. I modelli sono sempre più avanzati e offrono funzionalità capaci di apparire scomparire in poco tempo; gli standard di stampa talvolta sono l’uno l’opposto dell’altro. Insomma, l’utente è spesso costretto a leggere numerose schede tecniche. Per poi magari concludere che la stampante perfetta per le proprie esigenze non è più in commercio.

Ciò non vale soltanto per l’utenza domestica: anche nel momento della scelta delle stampanti aziendali è importante chiarirsi le idee, magari dissipando alcuni luoghi comuni. Per esempio, quello che vuole la tecnologia inkjet adatta solo alle stampanti di casa.

La soluzione Epson

Epson ha modificato questa vecchia regola, ottimizzando la sua esclusiva tecnologia della testina di stampa per le applicazioni aziendali. Ciò ha reso la stampa inkjet una soluzione efficiente, semplice e conveniente per ottenere vantaggi rispetto alla stampa laser. In particolare parliamo della testina PrecisionCore, basata su una tecnologia proprietaria impiegata nei sistemi industriali (per esempio, le stampanti per etichette in grandi tirature).

La serie WorkForce Pro

I modelli di questa serie Epson montano la testina Precision Core e guadagnano punti sotto numerosi aspetti: affidabilità, riduzione della quantità di rifiuti, minore impatto ambientale. I consumi energetici, per esempio, sono ridotti fino al 96% rispetto alle stampanti laser: è evidente il risparmio sui costi dell’elettricità e su quanto ciò aiuti le aziende a raggiungere gli obiettivi di ecosostenibilità prefissati. Ciò accade perché, non utilizzando calore nel processo di stampa, le stampanti inkjet consumano di fatto molta meno energia delle laser.

Meno rifiuti

Sottoposte a test effettuati da autorità indipendenti, i modelli Epson WorkForce Pro hanno dimostrato di produrre fino al 94% di rifiuti in meno rispetto delle stampanti e fotocopiatrici laser. E sempre a confronto con una laser di pari prestazioni, hanno evidenziato come non comportino emissioni di ozono e richiedano la sostituzione di un minor numero di consumabili e componenti. Le taniche di inchiostro sono facili da sostituire e disponibili in capacità diverse; in particolare, gli inchiostri Epson DURABrite Ultra e DURABrite Pro sono certificati ISO 117984.

Sono ancora i numeri a dare l’immagine dell’efficienza e della convenienza di questa serie Epson: è stato calcolato che se ogni azienda in Italia adottasse le stampanti inkjet Epson per l’ufficio, si risparmierebbe l’energia sufficiente a soddisfare il fabbisogno di 95 mila famiglie.

www.epson.it