Continuiamo il nostro cammino verso il 25 maggio 2018, giorno in cui il GDPR (Regolamento Generale per la Protezione dei Dati Personali) diventerà effettivo e vincolante per tutte le imprese italiane. Come è noto, entro quel giorno le imprese medesime dovranno aver uniformato alla nuova normativa europea – quella stabilita dal GDPR, appunto – tutti gli aspetti che riguardano i dati. Dalle questioni procedurali a quelle di raccolta e gestione, passando naturalmente per l’ambito legale, tutto quel che rientra nel confine tracciato dal Regolamento dovrà rispondere ai requisiti richiesti dall’Europa.

Il tema è quindi ampio e articolato: non è quindi solo questione di semplice protezione della privacy degli utenti che con le imprese si mettono in relazione. Un’infografica redatta da Kaspersky fotografa con precisione la complessità del tema, che coinvolge gli uffici legali, il marketing, i dipartimenti IT e che chiede l’introduzione (e la formazione) di una nuova figura professionale: il Data Protection Officer (DPO).

[Clicca sull’immagine per leggere l’infografica]

Formare la consapevolezza delle aziende
Kaspersky Lab ci dice che le aziende italiane sono tra le più pronte all’arrivo del GDPR. Un’indagine sulla preparazione delle imprese europee rispetto alle nuove norme vede il nostro Paese tra i primi cinque in classifica: ad ottobre di quest’anno, l’85% delle aziende tricolore ha avviato i lavori di adeguamento, mentre il 46% ha dichiarato di conoscere bene il regolamento.

Numeri confortanti, che tuttavia non esimono dal fornire ulteriori strumenti per arrivare pronti su ogni aspetto toccato dalla nuova normativa. Anche perché – è bene ricordarlo – la violazione del GDPR può causare conseguenze economiche tutt’altro che trascurabili: ammenda fino al 4% del proprio fatturato annuale su scala globale, o multa secca da venti milioni di euro.

Da questo punto di vista, l’offerta di Kaspersky è più che utile per prepararsi bene ed evitare sanzioni decisamente importanti.

Le soluzioni offerte
Il punto di partenza è capire a che punto è la propria preparazione al GDPR. Su questo piano, Kaspersky propone un metodo semplice e a costo zero. Si tratta di uno strumento di valutazione online con i passi che i team aziendali preposti al tema devono attuare prima del 25 maggio 2018. Si tratta, in altre parole, di un piccolo gioco per il quale sono necessari non più di 10 minuti, ma che risulteranno molto utili per fare bene il punto della situazione.

Ad un livello più approfondito, c’è il tema della sicurezza, comunque centrale nell’applicazione del GDPR. Dopotutto, a causare circa l’80% degli incidenti informatici è un errore umano. Le aziende investono così grandi somme sui programmi di cybersecurity awareness, ma con risultati non soddisfacenti: i programmi sono troppo spesso lunghi e molto tecnici, e non tengono conto di lati personali (criteri decisionali, capacità di apprendimento) di chi vi partecipa. La formazione, così, è inutile.

Kaspersky Lab offre quindi corsi che puntino anche e soprattutto su altri aspetti, per esempio la formazione di una cultura aziendale sul tema della sicurezza. Si tratta di programmi che stimolano l’impegno individuale a lavorare in modo sicuro e che alimentano l’approccio dettato dalle motivazioni, tramite tecniche di apprendimento con giochi, simulazione di attacchi e corsi sulla cybersecurity approfonditi e interattivi.

Si tratta di corsi destinati a manager, responsabili per la sicurezza IT e a chiunque lavori online con dati sensibili e/o un contatto esterno. Per conoscerli nel dettaglio, basta cliccare sull’immagine e leggere il documento dedicato.

 

Hai delle domande?

Il nostro Team di Specialisti è a tua disposizione!

CONTATTACI