In questo momento il mercato sta spingendo verso un cambiamento nel modo di fare business: Cloud, Gestione dei dati e Internet of Things sono argomenti che impongono a tutte le aziende di lavorare in maniera diversa.

Tech Data ha risposto prontamente a questo cambiamento portando a termine l’acquisizione della divisione Technology Solutions di Avnet. Questa unione ha portato alla creazione di uno dei più importanti distributori IT end-to-end a livello globale, in grado di offrire capacità ineguagliate e una gamma di soluzioni tra le più diversificate per soddisfare ogni esigenza, dal data center all’utenza domestica.

Al centro di questo accordo troviamo una combinazione di competenze che aumenta moltissimo la capacità di Tech Data di dare valore al mercato: un distributore di tecnologia da 36 miliardi di dollari che opera in tutto il mondo. Non e’ una semplice acquisizione … è un elemento nel percorso di trasformazione che la distribuzione deve affrontare per rispondere ai cambiamenti del mercato.

Si tratta del primo ed il secondo partner IBM in Europa che si uniscono col risultato di coprire – a numeri 2016 – più della meta’ del mercato della distribuzione.

A riguardo ha risposto Vincenzo Bocchi, IBM e Lenovo DCG Business Unit Manager di Tech Data Italia, spiegando le strategie adottate da Tech Data per cogliere le opportunità offerte dal mercato in continua evoluzione.

 

Di fianco alle organizzazioni tradizionali tipiche del distributore, Tech Data sta sempre di più sviluppano unita’ specifiche per quello che chiamiamo Next Generation Technologies con lo scopo di focalizzare – per competenza e non per vendor – i grandi plays tipici del momento di trasformazione: : Cloud, Internet delle Cose, Sicurezza e Gestione dei Dati.

Il cloud come principale volano della trasformazione

Il Piano nazionale per l’Industria 4.0 dello scorso anno conferma in maniera fin troppo esplicita che il cloud è una delle tecnologie abilitanti chiave. La semplificazione delle attività di sviluppo e di integrazione normalmente  presenti durante il delivery di un progetto IoT Industry 4.0, la necessità di velocità e flessibilità necessarie non possono portare altrove.

Il cloud ibrido è ovunque e la strategia adottata da Tech Data verte su quattro imperativi fondamentali:

  • il cloud è sempre di più il punto di controllo dei clienti finali;
  • riuscire a prendere questo punto di controllo ed a gestirlo creando valore mi darà la certezza che il mio cliente sarà con me per molto tempo;
  • se non ci sono le capacità di lavorare su questa architettura, di lavorare per servizi e di fare service management, la mia fortuna ha la scadenza come il latte … prima o poi arriva qualcuno sul cliente che prende il mio posto;
  • questo vale per tutti, per i clienti, per i vendor e anche per i partner, che non possono più’ prescindere dal pianificare in maniera strategica il proprio percorso verso il cloud.

Tech Data come partner del canale ICT nel suo percorso di trasformazione.

Perché i partner riescano a muoversi in uno dei momenti di trasformazione più veloci e dirompenti mai visti, devono diventare maniacali nella definizione delle proprie competenze distintive e nella pianificazione strategica delle decisioni, per riuscire a lavorare all’interno di un ecosistema di competenze così forti. Tech Data si propone di aiutare i propri partner nelle decisioni tipo “make or buy” e mettergli a disposizione un network di competenze da integrare o con cui collaborare. Negli ultimi due anni Tech Data ha lavorato con IBM per aiutare i partner nel loro percorso di trasformazione proponendosi come partner di business e non solo come fornitore di accesso alle tecnologie. IBM e Tech Data hanno collaborato nel 2016 ad esempio con SDA Bocconi in un programma annuale focalizzato su modelli organizzativi, pianificazione strategica, core competencies e modelli di business, non solamente per incentivarli a comprare ma per proporgli di far crescere il business insieme.

E proprio le Partnership sono la base per costruire un ecosistema destinato a trasferire competenze distintive verso i clienti finali, coinvolgendo risorse esterne. In quest’ottica anche il ruolo di IBM non deve essere sempre e solo quello di fornitore di tecnologia, ma può essere anche quello di partner di servizi o fornitore di asset specifici all’interno dell’offerta.