«Senza dati, sei solo un’altra persona con un’opinione». Da qualche tempo, spinta dalla forza delle condivisioni, capita con frequenza di imbattersi in rete in questa citazione del manager statunitense William Edwards Deming. Il senso è chiaro: i numeri trasformano le idee in fatti e aiutano a raccontare la realtà nel modo più accurato possibile. E allora, partiamo anche noi dai numeri.

Quelli che vogliamo dare riguardano il rapporto degli utenti con il proprio computer. Eccoli, nel dettaglio:

  • l’81% afferma di compiere attività lavorative anche durante il tempo dedicato a se stesso
  • per converso, il 58% dichiare di svolgere attività personali durante il tempo dedicato al lavoro
  • l’88% dei cosiddetti Millennials vuole che vita e lavoro siano integrati, e non separati

Andando poi nel settore specifico dell’entertainment, vediamo come il computer usato per il lavoro sia sempre più strumento di svago. Infatti, tra il 2015 e il 2016, sono cresciuti gli utenti che usano il pc per varie attività:

  • il 48% per ascoltare musica (gratis o a pagamento) in streaming (era il 20%)
  • il 33% per guardare video o film (era il 18%)
  • il 23% per il gaming (era l’11%)

Il computer, insomma, è un compagno delle nostre giornate a tutto tondo. Questa sua acquisita dimensione conduce giocoforza i produttori a realizzare strumenti capaci di essere letteralmente universali, interpretando funzioni di volta in volta diverse senza perdere in affidabilità e performance.

La soluzione HP: EliteBook x360
È già dalla sigla – 360, a tutto tondo – che il produttore statunitense fa capire come questa serie di personal computer sia concepita per incontrare ogni tipo di esigenza di chi lo usi, pur partendo dal segmento business. EliteBook HP connota infatti i notebook business di alta gamma dell’azienda americana, con due plus che spiccano sugli altri: la sicurezza e la versatilità.

A dimostrarlo sono le caratteristiche di due modelli della linea: HP EliteBook x360 1020 G2 e HP EliteBook x360 1030 G2. Ciò che li distingue sono alcuni dettagli «fisici»: il 1020 ha uno schermo da 12,5”, una batteria che dura fino a 15,5 ore, uno spessore di 13,9 mm e un peso di 1,12 kg; il 1030 si propone con schermo da 13,3”, 16,5 ore di autonomia, 14,9 mm di spessore e 1,27 kg di peso.

Quanto alle caratteristiche in comune, sul piano «fisico» vanno ricordati lo schermo touch, l’utilizzo con la HP Pen il processore Intel® Core™ i7 vPro™. E poi ci sono i suddetti plus, che vediamo nel dettaglio.

La sicurezza
Il rischio che la sicurezza dei dati sia compromessa impone alle aziende nuove modalità di protezione dei propri sistemi. Ecco perché la security èuno degli aspetti su cui HP ha più insistito in questa linea di prodotti, con alcune funzioni dotate di una tecnologia non disponibile in alcun altro prodotto presente sul mercato.

Parliamo, in particolare, di HP SureView, una funzionalità che oscura lo schermo affinché altri non possano vedere le attività in corso in quel momento. E di HP SureStart Gen3, il primo BIOS del settore con funzione di autoriparazione: il sistema esegue il monitoraggio del BIOS in-memory, ripristina la piattaforma senza interventi esterni, permette il ripristino del BIOS a uno stato predefinito ed è pronto per la gestione centralizzata di livello enterprise.

Non manca, naturalmente, l’autenticazione HP multifattore, che combina tipologie di autenticazione avanzate (impronte digitali o PIN) con elementi di minor complessità (password e riconoscimento facciale). HP Manageability Integration Kit, infinve, velocizza la creazione di immagini e la gestione di hardware, BIOS e sicurezza attraverso Microsoft System Center Configuration Manager.

La versatilità
È l’altro plus della linea EliteBook, ed è il piano su cui si esprime al meglio la possibilità di utilizzare questi notebook come strumenti universali. Le modalità di utilizzo sono cinque:

  • Laptop, per il multi-task e l’uso ordinario come personal computer
  • A tenda, per favorire la visualizzazione delle presentazioni
  • La modalità multimediale, per visualizzare contenuti (video, musica, etc)
  • L’uso come tablet, potenziato dalla HP pen
  • La modalità conferenza, per la miglior condivisione di audio e documenti di vario tipo.

EliteBook è quindi la gamma con cui HP affronta il mercato proponendo uno strumento leggero, compatto, progettato per favorire la collaborazione e ottenere prestazioni di altissimo livello in completa mobilità.