Certi amori non finiscono, fanno dei giri immensi e poi ritornano. E l’amore per il gaming da PC è tornato, perlomeno stando a vedere le ultime uscite ed i dati di mercato

Il caso emblematico sarebbe il Giappone: secondo il Daily Herald, il PC gaming sta iniziando a spopolare anche lì, in quella che da sempre è la patria delle console.

Al Tokyo Game Show di quest’anno, per esempio, il torneo principale è stato dedicato a Battlegrounds di PlayerUnknown, conosciuto anche come PUBG, che in 6 mesi ha venduto oltre 6 milioni di copie, ed è appunto giocabile solo su PC.

I numeri confermano questo trend: secondo le stime di Gartner Inc. la spesa per giochi da PC è destinata a salire in media del 6,6% all’anno fino al 2020, mentre il mercato globale del gaming, che include tutte le piattaforme, diminuirà complessivamente del 3,8% ogni anno. Anche secondo la società di analisti DFC intelligence, inoltre, i ricavi derivanti dalla vendita di giochi per PC aumenteranno nei prossimi anni costantemente del 3-4%.

Come è possibile questa rivincita del PC?

Per scoprirlo, leggi l’articolo completo su Wired.it.